venerdì 29 marzo 2019

sul Monte Erdigheta (1336mt) dalla valle Naforte

5h40m - 8,5Km A/R


Che bella sensazione trovarsi finalmente sopra il "castello" appena espugnato, guardare giù verso Sezze e provare ad immaginare, solo per un attimo, le sensazioni che provavi. Si, solo un attimo, poi lascio da parte i miei pensieri, mi volto, la vetta dell'Erdigheta è ancora lontana ma è lì che devo arrivare per ammirare per la prima volta il tuo "castello" dall'alto. 

Ma passiamo al racconto fotografico della magnifica escursione... 



Lasciata l'auto al termine della strada sterrata (loc. La Longara) , ho attraversato il ponticello sulla dx... 


 Ho proseguito fino ad arrivare nei pressi di una vecchia stalla, li ho preso il sentiero(poco visibile) più a dx... 



che si dirige verso la pineta che dovrò risalire fino ad arrivare ai primi saltini di roccia... 


La salita è molto intuitiva, ma non è segnata, e specialmente all'inizio ho bisogno di rileggere più volte la relazione di Milani per individuare la giusta via... 




Inizia il rock'roll, facendo molta attenzione lo affronto e lo supero...



Poi arriva il 2°...


il 3°...








il 4°...





fino ad individuare il "castello"... 


ultimo ostacolo da superare prima di avere via libera per la vetta... 




mi scelgo la via che più mi piace, e salgo senza indugio ... 




Uno spettacolo! 





ma non è finita, non c'è più da arrampicare, ma di strada da fare per arricavare in vetta c'è n'è! 


5 minuti di relax me li sono meritato però ... 


Riparto subito dopo... 









individuo quella che sembra essere una grotta, proprio sotto la vetta(non ne conoscevo l'esistenza), e decido di raggiungerla... 



non è una vera grotta, ma comunque un bellissimo riparo, molto panoramico e sempre utile ... 




non mi rimane adesso che raggiungere la vetta... 









(M. Pizzone) 


raggiungo la vetta dopo 3h di cammino... 


Una gran bella soddisfazione, un vero e proprio spettacolo a 360°, come sempre d'altronde ... 









È ora di scendere, non percorrerò né la via di salita, né il sentiero che passa per l'Acqua della Chiesa che farò sabato con alcuni miei amici. Decido quindi di raggiungere M. La croce e scendere per il crinale che scende parallelo alla mia via di salita... 


all'inizio della discesa mi accorgo di non essere solo, un bel lupetto mi precede...


e lo farà per qualche minuto tenendosi a debita distanza... 


Scendendo, ogni tanto dò uno sguardo alla via di salita... 










ed ai saltini di roccia superati ... 






Dopo qualche problemino avuto nel bosco causa vegetazione fittissima,  esco finalmente in prossimità del sentiero dell'andata... 


un ultimo sguardo è d'obbligo ... 





A presto... 


Alla prossima!
By nuvolachedanza

Nessun commento:

Posta un commento